Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano

AVVISO BANDO MOBILITA' AGENTE PL
Indietro


Comune di Corte Franca

 provincia di Brescia

AVVISO DI MOBILITA’ ESTERNA VOLONTARIA AI SENSI DI ART. 30, COMMA 1, DEL D.LGS. N. 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO (36 ORE SETTIMANALI) E INDETERMINATO DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DI VIGILANZA – CATEGORIA GIURIDICA C - AREA POLIZIA LOCALE.

 

RICHIAMATI:

 

-          L’art. 30, Comma 1, del D.Lgs. 165/2001, in materia di disciplina del “Passaggio diretto del personale tra Amministrazioni Diverse”;

-          Il D.Lgs. 198/2006 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’articolo 6 delle legge 28 novembre 2005, n. 246);

-          La Deliberazione di Giunta Comunale n. 42 del 08.03.2018 avente ad oggetto “Programmazione Triennale del fabbisogno di Personale 2018/2020 e Piano Occupazionale 2018”;

-          Il provvedimento dt n. 124 del 06/04/2018 Segretario Comunale Dr. Nicola Muscari Tomajoili avente ad oggetto “Rideterminazione dotazione organica e piano delle assunzioni 2018”;

-          Vista la Determinazione 175 del 08-05-2018relativa all’approvazione del seguente avviso;

-          La nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica del 10.10.2016 con cui sono state ripristinate le ordinarie facoltà assunzionali per tutte le categorie di personale della Regione Lombardia:

 

SI RENDE NOTO CHE

 

ai sensi dell’art.30 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i, il Comune di Corte Franca intende procedere alla copertura di n°1 posto, a tempo pieno (36 ore settimanali) e indeterminato, di un posto istruttore di vigilanza Categoria Giuridica C - presso l’Area Polizia Locale.

 

Art. 1 – Indizione procedura

 

E’ indetta selezione per mobilità esterna volontaria – passaggio diretto per la copertura di n. 1 posto, a tempo pieno (36 ore settimanali) ed indeterminato, di categoria giuridica C profilo professionale “Istruttore di Vigilanza” - presso l’Area di Polizia Locale del Comune di Corte Franca.

 

Art. 2 – Trattamento Economico

 E’ attribuito il trattamento economico fondamentale ed accessorio, di cui alla Categoria C previsto dal vigente C.C.N.L. del Comparto Regioni – Autonomie Locali, integrato dall’eventuale assegno per il nucleo familiare e dai ratei della tredicesima mensilità.

Il trattamento economico sarà soggetto alle ritenute della misura di legge.

 

Art. 3 – Requisiti per l’ammissione e competenze professionali

 

Sono ammessi alla presente procedura ed alla selezione:

         Dipendenti a tempo indeterminato presso le Pubbliche Amministrazioni di cui all’Art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 sottoposte a vincoli in materia di assunzioni e spesa del personale e in regola con gli obiettivi legislativi finalizzati alla riduzione della spesa, con inquadramento di ruolo nella categoria C – C.C.N.L. Comparto Regioni – Autonomie Locali o equivalente inquadramento se provenienti da altro comparto pubblico;

         In possesso di patente di categoria B o superiore;

         Che non siano stati sottoposti a procedimenti disciplinari superiori al rimprovero scritto nel triennio precedente la data di scadenza del presente avviso;

         Che non abbiano riportate condanne penali;

         Che abbiano conoscenza base dell’uso delle apparecchiature informatiche più diffuse e delle applicazioni informatiche comuni ed attinenti il settore vigilanza.

 

I requisiti di ammissione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

I candidati dovranno avere conoscenza della legislazione sul procedimento amministrativo e della normativa in materia di Enti Locali, dimostrare il possesso di competenze specifiche di tipo teorico e pratico in materia di vigilanza.

 I dipendenti titolari di un contratto di lavoro a tempo parziale (che intendono proporsi per un posto a tempo pieno) devono dichiarare di essere disponibili alla trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in caso di trasferimento e devono precisare se l’assunzione è avvenuta con contratto di lavoro part-time o se la trasformazione è intervenuta successivamente all’assunzione.

 

Art. 4 – Domanda di partecipazione

 

La domanda di partecipazione deve essere redatta in carta semplice, secondo il fac-simile allegato.           

I candidati, sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e consapevoli delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del citato D.P.R. per le ipotesi di falsità e

dichiarazioni mendaci, oltre ai requisiti di cui all’art. 3 del presente avviso, devono dichiarare/autorizzare

in modo circostanziato per consentirne l’eventuale verifica:

 ·         Il cognome ed il nome (per le donne coniugate anche il cognome del coniuge);

·         La data ed il luogo di nascita;

·         La residenza e l’eventuale domicilio;

·         L’Amministrazione di provenienza ed il relativo comparto di appartenenza, il profilo professionale, la categoria giuridica, la posizione economica e l’ufficio presso il quale si presta servizio;

·         Gli eventuali provvedimenti disciplinari subiti e/o gli eventuali procedimenti disciplinari in corso;

·         Gli eventuali esoneri temporanei o definitivi dalle mansioni del profilo;

·         Il titolo di studio posseduto, Istituto e data di conseguimento e votazione;

·         La regolarità nei confronti dell’obbligo di leva (solo per candidati di sesso maschile nati anteriormente al 1986);

·         L’assenza o meno di condanne penali a proprio carico;

·         Il consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, per gli adempimenti della procedura di cui trattasi;

·         L’accettazione incondizionata di quanto previsto nel seguente bando;

·         La motivazione della domanda di mobilità;

·         L’indirizzo al quale devono essere inviate le eventuali comunicazioni, comprensivo di recapito telefonico fisso e/o mobile e di indirizzo di posta elettronica, eventualmente certificata.

 In calce alla domanda i candidati dovranno apporre la propria firma per esteso o digitalmente.

 Alla domanda dovranno essere allegati:

         Curriculum di studio, formativo e professionale, debitamente sottoscritto, da cui risultino i titoli posseduti, gli eventuali ulteriori titoli formati, l’elencazione dell’anzianità di servizio in ogni categoria e profilo professionale di inquadramento maturata nella Pubblica Amministrazione di provenienza e presso datori di lavoro privati con l’elencazione delle effettive attività svolte;

         Eventuale autorizzazione dell’Amministrazione di appartenenza della mobilità;

         Eventuali documenti ritenuti utili ai fini della valutazione;

         Copia del verbale di idoneità fisica alla mansione attualmente svolta, certificata dal medico competente di cui al D.Lgs. n. 81/2008 dell’Ente di provenienza nell’ultima verifica periodica effettuata.

 

Art. 5 – Presentazione della domanda

 

La domanda dovrà pervenire al Comune di Corte Franca, a pena di esclusione, entro e non oltre il:

 

ORE 12:00 del 12 giugno 2018

 

La domanda di ammissione alla procedura dovrà riportare sulla busta o, nella nota di accompagnamento in caso di trasmissione via PEC, il riferimento “RIF.MOB. Istruttore di vigilanza Categoria C - 36 ore” e potrà essere inoltrata:

 

-   A mano presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Corte Franca, sito in Piazza di Franciacorta n. 1,

negli orari di apertura al pubblico: dal lunedì al sabato alle ore 9:00 alle ore 12:30 e il martedì dalle ore 17:00 alle ore 18:30

 -   A mezzo Posta Elettronica Certificata: (PEC)all’indirizzo:<protocollo.comune.cortefranca@pec.regione.lombardia.it>;

 -   Per mezzo dei servizi di posta pubblici o privati.

 L’Amministrazione non si assume alcuna responsabilità per il mancato ricevimento della domanda di partecipazione entro i termini.

Saranno considerate valide le domande che risultino spedite entro detto termine, purché pervenute entro il giorno successivo.

Oltre al mancato possesso dei requisiti previsti dal presente avviso costituiscono motivo di esclusione:

·         L’inosservanza del termine di scadenza previsto;

·         La mancata sottoscrizione della domanda;

·         Mancata allegazione del documento di identità;

·         La mancata presentazione del curriculum vitae debitamente compilato.

 

Ai sensi dell’Art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, i dati raccolti nella domanda di partecipazione saranno trattati esclusivamente per le finalità connesse all’espletamento della procedura e per le successive attività inerenti l’eventuale assunzione, nel rispetto della normativa specifica e delle disposizioni dei Contratti collettivi di lavoro.

Con la sottoscrizione della domanda di partecipazione il candidato acconsente al trattamento dei dati ai sensi della normativa sopra richiamata.

 L’elenco dei soggetti ammessi alla selezione sarà pubblicato sul sito web istituzionale <www.comune.cortefranca.bs.it> entro sette giorni dal termine ultimo delle presentazioni delle domande di partecipazione al presente bando di mobilità. Sempre sul sito web del Comune di Corte Franca sarà altresì pubblicato l’avviso relativo alla data e al luogo degli eventuali colloqui.

 Art. 6 – Istruttoria domande

 Le domande pervenute entro i termini, previa verifica dei requisiti ed apposita istruttoria, saranno esaminate e comparate alla luce di quanto sopra rappresentato nei rispettivi curriculum vitae.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di ritenere, fin dal momento della valutazione del curriculum vitae, nessun candidato idoneo per la copertura del posto e dunque si riserva la possibilità di non far luogo alla successiva fase dei colloqui.

I candidati idonei saranno invitati a svolgere un colloquio conoscitivo e finalizzato all’approfondimento delle motivazioni che hanno indotto alla presentazione della domanda, nonché delle conoscenze acquisite e delle attitudini professionali rispetto al posto da ricoprire, per verificare la corrispondenza tra le caratteristiche richieste ed il profilo dei candidati. In sede di colloquio, quindi, la valutazione dei candidati sarà operata alla stregua dei seguenti criteri:

·         Motivazione professionale alla copertura del posto di interesse;

·         Esperienza lavorativa e preparazione professionale specifica e rispondenza delle stesse alle mansioni del posto da ricoprire;

·         Adattamento e flessibilità operativa nelle prestazioni e negli orari di lavoro;

·         Grado di autonomia nell’esecuzione del lavoro;

·         Conoscenze della legislazione sul procedimento amministrativo e della normativa in materia di Enti Locali;

·         Conoscenza di tecniche di lavoro e di procedure teorico/pratiche, anche informatiche, necessarie all’esecuzione del lavoro.

 L’Ente ha la più ampia autonomia discrezionale nella valutazione dei candidati e nella verifica della rispondenza delle professionalità possedute con le caratteristiche del posto da ricoprire.

 Art. 7 – Valutazione dei candidati e criteri di selezione

 La valutazione di adeguatezza al posto da ricoprire sarà frutto di una considerazione complessiva degli elementi richiesti in funzione del profilo da ricoprire.

 Le domande di mobilità pervenute nei termini e corredate dalla documentazione richiesta, saranno esaminate sulla base dei seguenti criteri:

 il punteggio massimo da attribuire a ciascun candidato ammesso alla procedura selettiva è di 30 punti così distinti:

 

·         Curriculum formativo e professionale: Max. punti 10. Nel curriculum verranno valutati gli aspetti rilevanti ed attinenti al posto da ricoprire (titolo di studio, esperienza professionale, e tutto quanto concorra all’arricchimento professionale in rapporto al posto da ricoprire), come segue:

 

TITOLI

PUNTI MAX

Titolo di studio superiore a quello richiesto

2

Attestati professionali o iscrizioni in albi

1

Esperienza acquisita (0,5 per anno)

7

Totale

10

 

·         Colloquio motivazionale: Max. punti 20. Il colloquio sarà finalizzato alla verifica dell’esperienza specifica e del livello motivazionale ed attitudinale, tendente ad accertare anche la professionalità acquisita nelle precedenti esperienze lavorative, come segue:

 

 

COLLOQUIO MOTIVAZIONALE

PUNTI MAX

Esaustività della trattazione degli argomenti

8

Chiarezza Espositiva

5

Consapevolezza Professionale

7

Totale

20

 

La Commissione alla fine del colloquio attribuirà al candidato un punteggio massimo di punti 30 e provvederà a compilare l’elenco dei candidati esaminati con l’indicazione dei voti da ciascuno riportati.

 Verranno collocati utilmente in graduatoria, e pertanto ritenuti idonei alla mobilità secondo l’ordine della graduatoria stessa, i candidati che abbiano ottenuto nel colloquio un punteggio non inferiore a 21/30.

 I colloqui saranno svolti da apposita commissione, che sarà nominata dopo la scadenza dei termini per la presentazione delle domande.

 Al termine dei colloqui, ove si ravvisi la presenza di candidati ritenuti idonei, verrà stilata la graduatoria di merito.

 Le valutazioni e le scelte di cui al precedente paragrafo sono compiute ad insindacabile giudizio dell’Amministrazione Comunale.

 L’Avviso di mobilità non vincola in alcun modo l’Amministrazione comunale che, pertanto, potrà non dare seguito alla mobilità.

 In ogni caso, è facoltà insindacabile dell’Amministrazione Comunale di Corte Franca, ove nuove circostanze lo imponessero o lo consigliassero, di non dar seguito alla procedura senza che nessun diritto o pretesa possano essere vantati dai candidati partecipanti alla selezione.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di revocare o modificare in qualsiasi momento ed a suo insindacabile giudizio il presente avviso, nonché di non procedere, anche dopo l’espletamento della selezione, all’effettuazione della mobilità, nel caso in cui venga adottata una diversa organizzazione del lavoro che non richieda più la copertura del posto previsto o diverse soluzioni organizzative.


Art. 8 - Conclusione della procedura

 Sulla base delle risultanze della selezione di cui al precedente punto 6 potrebbe essere individuato il candidato ideale.

L’Amministrazione accertata la disponibilità all’assunzione del candidato individuato, effettuate le opportune verifiche circa la veridicità delle dichiarazioni rilasciate ed acquisito il parere favorevole al trasferimento da parte dell’ente di provenienza entro 10 giorni, procederà all’avvio della procedura di passaggio diretto dell’interessato ai sensi art. 30 - comma 1 del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165.

Se dalla verifica delle dichiarazioni rese dai candidati selezionati, emergesse la non veridicità delle stesse, a prescindere dai profili di carattere penale, l’Amministrazione si riserva di risolvere, senza preavviso, il contratto eventualmente stipulato.

La decorrenza effettiva del trasferimento presso il Comune di Corte Franca, che sarà concordata con l’Amministrazione di provenienza, dovrà avvenire entro un termine compatibile con le esigenze organizzative e di servizio di questo Ente, il quale si riserva la facoltà di non procedere all’acquisizione qualora le condizioni temporali del trasferimento non risultassero compatibili con dette esigenze.

 

Art. 9 - Pubblicità e disposizioni finali.

Il presente avviso viene reso noto mediante pubblicazione per 30 giorni consecutivi all’Albo on line e sul sito istituzionale del Comune di Corte Franca nonché mediante pubblicazione all’Albo on-line di tutti i Comuni della provincia di Bergamo e Brescia ed eventuali altri enti locali delle provincie contermine.

L’Amministrazione Comunale si riserva di applicare, per quanto non previsto dal presente avviso, le disposizioni normative e contrattuali vigenti in materia di reclutamento del personale.

Il Comune di Corte Franca garantisce le pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 198/2006.

 

 

 

Corte Franca 08/05/2018

 

                                                                                       Il Segretario Comunale

Responsabile del Settore Affari Generali

                                                                                 Dott. Nicola Muscari Tomajoli